Parkinson: quando il paziente si "congela"

Anonim

Uno su tre del Parkinson soffre improvvisi episodi di "congelamento" in cui improvvisamente "affondano" un'estremità e smettono di muoversi.

Questi episodi appaiono bruscamente, di solito durano da pochi secondi a diversi minuti, e sono essenzialmente un "blocco" o incapacità di iniziare un movimento o riprendere movimenti ripetitivi e ritmici come camminare.

Il congelamento, come è noto in molti pazienti, colpisce di solito le gambe, ma può anche influire sulle mani, sulla parola o persino sulla capacità del paziente di aprire gli occhi.

Il neurologo Panagiotis I. Zikos, capo del morbo di Parkinson e dei disordini correlati dell'Ospedale generale dell'aviazione, spiega che cos'è questo "congelamento", quali rischi nasconde e quali pazienti possono fare per affrontarlo.

Che cosa è il congelamento

È il movimento temporaneo e involontario. Il paziente si sente improvvisamente bloccato in posizione in modo che non possa, ad esempio, alzarsi dalla sedia o attraversare una porta o una strada. Possono, naturalmente, "congelare" altre parti del corpo o persino parlare, ma la più frequente e la più spaventosa è l'incapacità di muoversi nei momenti più improbabili.

Dov'è?

Nessuno lo sa Sappiamo solo che è comune per i pazienti che si trovano nelle fasi intermedie o avanzate della malattia di Parkinson e che assumono la levodopa per diversi anni (da 5 a 10). Circa la metà dei pazienti che assumono questo farmaco a volte sviluppa fluttuazioni di una buona risposta al farmaco e una mobilità soddisfacente con scarsa risposta ai farmaci e mobilità ridotta. Il congelamento di solito si verifica durante i periodi di ridotta mobilità o poco prima di assumere la dose successiva di levodopa.

In quali circostanze si manifesta?

Episodi di "congelamento" possono verificarsi in qualsiasi momento, ma sono più spesso all'inizio dei movimenti. È anche più probabile quando il paziente attraversa porte, gira in angoli, ruota, si muove attraverso spazi ristretti, avvicina ostacoli o interruttori da un tipo di superficie ad un altro (ad esempio dalla piastrella al tappeto o dal pavimento all'asfalto) . Anche svolgere più attività contemporaneamente, fermando e rallentando il passo può anche causare un episodio. Lo stesso è lo stress intenso e la folla.

Perché è pericoloso

L'improvviso "congelamento" del movimento aumenta notevolmente il rischio di cadere, perché l'inizio e la fine di ogni episodio sono imprevedibili. Ci sono pazienti che improvvisamente smettono di camminare in mezzo alla strada o sono in un passo senza gradini davanti alla porta della metropolitana, quindi perdono l'equilibrio e cadono.

Come possono essere protetti i pazienti?

Il primo passo è quello di dire al medico di questi episodi, perché la regolazione del trattamento può essere d'aiuto. La fisioterapia sistematica da parte di fisioterapisti appositamente addestrati è anche importante perché possono insegnare ai pazienti tecniche per evitare cadute. La terapia occupazionale, infine, può aiutare i pazienti a ridurre il rischio di cadere a casa.

C'è un trucco per consentire al paziente di "scongelarsi" velocemente?

Può provare diverse tecniche e vedere cosa gli attribuisce. Tuttavia, "la nostra esperienza e lo studio della fisiologia dell'andatura mostrano che il metodo più efficace è spingere i talloni sul pavimento", afferma il dott. Zikos.

Come spiega, i pazienti spesso camminano a piccoli passi e quasi fino alle dita dei piedi, così i loro talloni non toccano il suolo. Se un paziente che cammina in questo modo presenta un episodio di "congelamento", "deve toccare i talloni (è una mossa che può fare)", afferma il dott. Zicos. "Poi deve spostare il peso sulla gamba sinistra, schiarire la destra e fare un grande passo avanti con essa."

Questa tecnica attribuisce alla maggior parte dei pazienti, aggiunge. Altrimenti, il paziente dovrebbe provare altre tecniche, come ad esempio:

- Cambia movimento (es. Solleva una mano, gira la testa, punta al soffitto) e poi riprendi a camminare.

- Cambia direzione (se non puoi andare avanti, prova a spingere il piede di lato e poi vai avanti).

- Avere un laser con sé per segnare il pavimento davanti al suo piede e provare a spingerlo.

- Contare fino a 3 o mettersi ad ascoltare la musica sul cellulare o iniziare a mettere a tacere uno scopo o fare una piccola passeggiata sul posto e poi provare a muoversi di nuovo.

- Non cercare di spingersi per camminare. Deve distrarre la mente dal movimento interrotto per poterla riavviare.

- Prova a gettare tutto il peso del suo corpo sull'altra gamba e poi riportalo a ciò che ha "congelato".

Per prevenire gli episodi, può provare le seguenti tecniche:

- Aprire i corridoi a casa senza mobili, in modo che possano camminare senza ostacoli.

- Ascoltare musica su mp3 o cellulare e camminare al ritmo (tuttavia, ha bisogno di attenzione, perché allo stesso tempo deve ascoltare e cosa c'è intorno a lui).

- Per fischiare o contare i numeri continuamente durante lo spostamento.

- Immagina di camminare su una linea luminosa.

- Ruota gli angoli facendo un semicerchio e non bruscamente.

Cosa possono fare i suoi parenti?

- Tienili freschi e non li tiri, per esempio. cambierà il semaforo sulla strada.

- Sii paziente per diversi secondi per vedere se l'episodio è passato.

- Metti i piedi verticalmente da soli e chiedigli di calpestarlo.

- Aiuta il paziente a dondolare a destra ea sinistra per "svegliare" il suo corpo.

- Incoraggiatelo a iniziare a contare oa camminare.

- Di 'al tuo medico di questi episodi.

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più