Pelle: i rischi di errori nell'esfoliazione

Anonim

L'esfoliazione promette di migliorare l'aspetto della pelle, ma a volte la rimozione delle cellule morte dall'epidermide fa più male che bene.

Sebbene la maggior parte delle persone pensi che tutti i prodotti del cuoio capelluto siano adatti a tutti i tipi di pelle, questo non è il caso, e molte condizioni della pelle rendono l'intero processo proibitivo.

"Quando l'esfoliazione è fatta con il prodotto sbagliato o da persone che dovrebbero evitarlo, il seguente potrebbe essere un peggioramento delle condizioni della pelle con un aumento, ad esempio, di acne o arrossamento " , dice il dott. Markos Michelakis, dermatologo-afrodisiaco. "In tal caso, tuttavia, i suoi possibili benefici vengono annullati, tra cui un miglioramento dell'aspetto della pelle, una maggiore efficienza delle terapie locali perché penetrano più profondamente nella pelle quando vengono rimosse le cellule morte e, a lungo termine, aumenta la produzione di collagene che rende la pelle più giovane Pertanto, chiunque desideri esfoliare deve farlo correttamente e in sicurezza. "

Il peeling può essere fatto chimicamente o meccanicamente.

L'esfoliazione chimica comporta l'applicazione di un acido (alfa o beta idrossiacidi, tricloroacetato, salicilato, ecc.) Per dissolvere i globuli rossi che si accumulano nello strato più superficiale dell'epidermide.
L'esfoliazione meccanica viene eseguita con un pennello, una spugna o uno scrub applicato strofinando la pelle per rimuovere le cellule. Nel quadro dell'esfoliazione meccanica si applicano ai medici e alle macchine di microdermoabrasione.

Gli individui che possono trarre beneficio dall'esfoliazione sono quelli che hanno un invecchiamento precoce della pelle dovuto all'esposizione alla luce solare, così come quelli che soffrono di acne non infiammatoria, cioè l'acne che si manifesta con brufoli neri o bianchi, senza brufoli con infiammazione ).

Invece, quelli con acne infiammatoria caratterizzata da cisti, papule (piccoli brufoli rossi) e pustole (brufoli) dovrebbero consultare un dermatologo prima di scegliere un metodo peeling perché i trattamenti chimici o meccanici più aggressivi possono peggiorare la situazione. Lo stesso vale per le persone con acne rosaria, in cui l'esfoliazione può esacerbare l'arrossamento del viso, dice il dott. Mihelakis.

Un altro pericolo con l'uso di prodotti difettosi del cuoio capelluto è l' iperpigmentazione proinfiammatoria o la comparsa di macchie scure sulla pelle come se fosse stata bruciata. Questa condizione è più comune in quelli con la pelle scura e coloro che sviluppano macchie scure dopo una scottatura o una puntura d'insetto, dice l'esperto, aggiungendo che questi individui dovrebbero evitare l'esfoliazione aggressiva.

L'esfoliazione può anche aggravare dermatosi come l' herpes simplex, l'endemico infettivo e il papilloma (verruche), perché queste condizioni spesso causano la formazione di otturazioni infette e infette.
"Chiunque soffra di qualsiasi dermatopatia, è consigliabile consultare un dermatologo prima di iniziare a esfoliare", raccomanda il dott. Mihelakis.

Indipendentemente, tuttavia, dalla storia individuale, per rendere l'esfoliazione sicura deve tener conto di quanto segue, continua:

- Il tipo di pelle . I tipi di base sono: a) pelle sensibile (spesso bruciata dal sole o percepita "punteggiata" da prodotti cosmetici); b) pelle normale (pulita, senza segni di sensibilità); è duro o desquamato), d) pelle grassa (che brilla dal grasso che si accumula su di esso), e) pelle mista (in altri punti è secca e untuosa).

Se hai la pelle secca o sensibile, scegli prodotti di esfoliazione chimica delicati come il peeling all'acido salicilico realizzato presso la clinica di dermatologia. Se hai la pelle grassa e grassa, può resistere ai trattamenti chimici più potenti come il lavaggio con acido salicilico al 2% e / o terapie di esfoliazione meccanica. Se hai la pelle scura, potresti non reagire bene ai prodotti duri del cuoio capelluto.

- Frequenza . Quante volte qualcuno dovrebbe esfoliare? Dr. Mihelakis risponde che ciò dipende dal tipo di pelle e dalla potenza del metodo esfoliante. Le persone con pelle grassa e dura possono aver bisogno di una volta al giorno, e coloro che hanno la pelle secca o sensibile dovrebbero ridurre l'esfoliazione una o due volte alla settimana.
La regola generale è che più il trattamento è aggressivo, meno è necessario applicarlo. Questo è, ad esempio, il motivo per cui il peeling del farmacista e il trattamento dermatologico applicato dal dermatologo vengono somministrati una o due volte per un periodo di una o due settimane o più, a seconda del caso, e poi si fermano, con risultati di lunga durata.

Se esfolli più spesso del dovuto, la pelle potrebbe rimanere rossa e irritata.

- I prodotti . Ci sono dozzine di prodotti esfolianti venduti nei negozi e online, ma ciò non significa che siano tutti sicuri ed efficaci. Ecco perché è necessario essere molto attenti ai propri mercati, preferendo i prodotti di aziende note e affidabili. Inoltre, non si dovrebbero acquistare prodotti esfolianti molto forti, ma quelli con una bassa concentrazione di acido (non più del 10% di acido glicolico o 2% di acido salicilico).

- Le medicine che hai già e i tuoi cosmetici. Alcuni, come i retinoidi, rendono la pelle più sensibile e, se combinati con prodotti esfolianti, possono causare gravi secchezza della pelle o gonfiore dell'acne.

- La condizione della tua pelle . Non esfoliare mai la pelle con tagli, scottature o altri danni. Non strofinare con lo scrub o con lo scrub chimico (di solito 30 secondi di movimenti delicati e circolari) e sciacquarli con acqua tiepida.

- Idratazione Immediatamente dopo la desquamazione, dovresti ben idratare la pelle.
Se hai la minima domanda, chiedi a un dermatologo che valuterà la tua pelle e ti aiuterà a capire se il ridimensionamento è giusto per te o no, Mihelakis.

Sei soluzioni naturali contro i brufoli

Le 5 bevande che influenzano la salute della pelle

Acne adulta: i fattori che aumentano il rischio

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più