Ansia: come influenza la funzione intestinale

Anonim

Molte persone con ansia aumentata o cattivo umore lamentano di avere difficoltà nella funzione intestinale.

La speculazione secondo cui la condizione psicologica dell'individuo influenza la funzione intestinale, acquisisce una base scientifica associata ai batteri presenti in essa.

La ricerca relativa mostra che la differenziazione dei batteri intestinali negli animali può influenzare i loro livelli di ansia e diventare più calmi.

Uno studio pubblicato nella rivista medica Psychopharmacology suggerisce che lo sviluppo di batteri "buoni" nel nostro sistema digestivo contribuisce al modo in cui percepiamo ed elaboriamo le informazioni che riceviamo e che potrebbero aiutare a ridurre l'ansia e la depressione.

Ma quali sono i batteri buoni? Questi sono probiotici e prebiotici, due categorie di alimenti contenenti componenti probiotici, microrganismi viventi specifici che colonizzano l'intestino e formano la loro flora desiderabile, o prebiotici, che non contengono i microrganismi stessi ma sono ingredienti che nutrono e favoriscono moltiplicandoli.

Philip Burnet, un gruppo di professori psichiatrici a Oxford, ha cercato di scoprire come l'esistenza di batteri buoni nel proprio sistema digestivo potrebbe migliorare la sua risposta ai farmaci psichiatrici.

Dopo uno studio in cui il gruppo ha somministrato ai pazienti probiotici o prebiotici o placebo, i volontari sono stati sottoposti a test informatici che hanno permesso al gruppo di registrare come ciascun paziente ha elaborato le informazioni centrali e se gli ha dato un risultato negativo o positivo carattere. I ricercatori hanno anche prelevato un campione di saliva del mattino da partecipanti che hanno misurato il contenuto di cortisolo - l'ormone dello stress - prima e dopo la somministrazione di prebiotici o placebo.

Il risultato che hanno concluso è stato che le persone che assumevano prebiotici tendevano a prestare maggiore attenzione alle informazioni positive e il livello di cortisolo nella loro saliva era significativamente più basso.

Lo studio conclude che il gruppo di prebiotici aveva "meno ansia negli stimoli negativi o minacciosi". Tuttavia, non è stata trovata alcuna differenziazione nel modo e il livello dei partecipanti ha compreso il loro livello di ansia. I ricercatori lo attribuiscono alla breve fase di ricerca, tre settimane, e considerano la loro associazione basata su batteri buoni nel tratto digestivo che promuovono un sistema immunitario più sano e più forte, che a sua volta influenza il funzionamento del cervello .

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più