World Doctors: cure primarie per oltre 1.200 rifugiati

Anonim

La fornitura di assistenza sanitaria di base a più di 1.200 migranti e rifugiati attraverso unità mediche mobili nelle strutture di ospitalità aperte a Termopili, Serres e Inofita, in due mesi (settembre e ottobre 2017), IOM congiunto, l'Ufficio delle Nazioni Unite per Immigrazione e World Doctors (MDG).

Da settembre 2017, le équipe mediche hanno condotto 3.400 sessioni mediche - quasi 80 ogni giorno - nell'ambito di un programma finanziato dall'UE. Le sessioni riguardano esami, diagnosi, prescrizioni e rimandi alle unità di assistenza secondaria.

Gianluca Rocco, capo dello IOM in Grecia, spiega che migliaia di migranti e rifugiati che vivono in Grecia affrontano problemi di salute che richiedono cure immediate affrontando gravi difficoltà nell'accesso al sistema sanitario nazionale al di fuori delle strutture di accoglienza.

"Migliorare la salute di migranti e rifugiati è un passo importante per ricostruire le loro vite", ha affermato Rocco.

"Lavoriamo a stretto contatto con MG in Grecia e sosteniamo il governo greco e le autorità greche per garantire il diritto alla salute e per proteggere la dignità umana", ha aggiunto.
IOM e MC collaborano anche a stretto contatto per facilitare la transizione e fornire servizi sanitari al governo greco nel 2018 e accogliere l'integrazione di migranti e rifugiati nel Sistema Sanitario Nazionale.

"Siamo molto soddisfatti della nostra cooperazione con l'Organizzazione internazionale per l'immigrazione e la Commissione europea", ha dichiarato Christos Dimopoulos, capo dei programmi per la protezione e l'integrazione dei medici del mondo greco. "Attraverso questo programma, siamo riusciti a offrire servizi medici ai rifugiati e ai migranti vulnerabili mentre preparavamo la consegna delle loro cure nel Sistema Sanitario Nazionale", ha aggiunto.
Le unità mediche sono formate da medici di medicina generale, pediatri, dentisti, infermieri, interpreti e guide che forniscono servizi medici primari cinque giorni alla settimana, nei turni mattutini e pomeridiani, negli ospedali di Thermopyles, Serres e Inofyta (che ha chiuso alle 3 novembre).

Le unità tengono sessioni mediche e forniscono cure primarie per problemi medici come infezioni virali, raffreddori e lesioni. Inoltre, il personale medico prescrive farmaci e monitora le persone con malattie croniche come malattie cardiache, diabete, problemi respiratori e ginecologici.

I pazienti che necessitano di assistenza secondaria vengono indirizzati dagli ospedali della MDC agli ospedali, e il trasporto e le scorte sono forniti laddove possibile.
"Le cure mediche sono essenziali per i rifugiati e richiedenti asilo in Grecia, come per ogni essere umano, per questo la Commissione europea sostiene i suoi partner nella fornitura di servizi medici primari", ha dichiarato Evangelos Petratos, esperto umanitario questioni della Commissione europea in Grecia. "Siamo soddisfatti dei risultati finora raggiunti e della buona cooperazione dei nostri partner e delle autorità sanitarie greche", ha affermato.

Il programma congiunto IOM - MK è finanziato dalla Commissione europea.

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più