Collocando Bashkozos e di sorpresa, Tsipras, l'Assemblea europea dell'OMS

Anonim

A Budapest, il segretario della sanità pubblica Yannis Basskozos sarà trovato la prossima settimana (12-14 settembre) presso l'Organizzazione mondiale della sanità europea.

Di Natassas N. Spagadorou

Durante la Convenzione, tutti i principali problemi di salute pubblica che stanno attualmente interessando l'area europea, come i microbi resistenti, le infezioni ospedaliere, la vaccinazione e la vaccinazione antinfluenzale, i problemi di salute pubblica, nonché i problemi dei rifugiati e dei rifugiati, dovrebbero venire alla ribalta. salute dei migranti.

Tuttavia, la Riunione di Budapest cela ancora una sorpresa: il funzionario dell'OMS è il primo ministro greco Alexis Tsipras, che, secondo informazioni sicure, sarà inserito durante i lavori dell'Assemblea Mondiale della Sanità.

La questione delle vaccinazioni, e in particolare del movimento anti-vaccinazione, è particolarmente preoccupante per gli scienziati e le istituzioni sanitarie. Vale la pena notare, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell'UNICEF sui livelli di immunizzazione globale pubblicati nel luglio dello scorso anno, 12, 9 milioni di bambini, quasi 1 su 10, non hanno ricevuto alcun vaccino 2016. Un rischio maggiore alla base di questa condizione è di infettare i bambini ansiosi con difterite, tetano o pertosse, poiché non hanno ricevuto il vaccino DTP.

Inoltre, si stima che 6, 6 milioni di bambini che hanno ricevuto la prima dose di DTP non abbiano ricevuto i due successivi. Dal 2010, secondo l'OMS e l'UNICEF, la percentuale di bambini che hanno ricevuto tutti i soliti vaccini di routine è rimasta stabile all'86% (116, 5 milioni di bambini), senza differenze significative tra paesi o regioni nell'ultimo anno . Questa cifra scende leggermente al di sotto dell'obiettivo di immunizzazione globale (90%).

La Grecia avrà una posizione importante, secondo le informazioni sicure su tutte le questioni di cui sopra, perché ci sono molti che vogliono ascoltare le sue posizioni. Inoltre, la questione dei rifugiati (che persiste in Grecia) e della sua gestione è estremamente critica e tutte le missioni straniere desiderano ascoltare in dettaglio la storia della parte greca.

Il Segretario generale per la sanità pubblica, Giannis Basskozos, che ha ripetutamente affermato che i flussi di rifugiati e, in generale, la questione dei rifugiati, è un'opportunità di prim'ordine per gestire le strutture sanitarie pubbliche ancora meglio.

Ricordiamo che il signor Baskozos, che ha partecipato ai lavori della settantesima assemblea mondiale dell'Organizzazione mondiale della sanità svoltasi presso la sede della Fondazione di Ginevra lo scorso maggio (22-31.05.2017), ha fatto riferimento al lavoro svolto dal Ministero della salute per quanto riguarda la vaccinazione dei rifugiati migranti e l'importanza di questa azione per la salute pubblica e le sfide poste dalla vaccinazione. Ha anche fatto riferimento alle sfide attuali nella fornitura e distribuzione di vaccini, mentre allo stesso tempo ci sono state carenze di vaccini significativi a livello internazionale, ha detto, come la pertosse e la poliomielite inattivata . Inoltre, come sottolineato, la ricerca e un'adeguata produzione, nonché i costi dei vaccini, devono essere ulteriormente allineati con le esigenze delle società, soprattutto dei più poveri e dei più vulnerabili.

Leggi di più:

Bashkozos: la ricerca e la produzione di vaccini sono in armonia con i bisogni della società

Profugo: i servizi sanitari sono chiusi oggi al Centro di accoglienza di Chios

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più