Sindrome cervicale: quando la chirurgia è inevitabile

Anonim

La sindrome cervicale è un insieme di sintomi che influenzano il funzionamento del rachide cervicale.

I sintomi principali sono dolore al collo, mal di testa, spalla, braccio e / o dolore alla mano, mobilità limitata della cervice, debolezza e riflessi ridotti negli arti superiori e inferiori, problemi di deambulazione ("andatura scarna"), formicolio nel arti superiori e debolezza muscolare negli arti inferiori.

Le cause che possono causare la sindrome cervicale variano, ma la più comune è la degenerazione del disco intervertebrale che viene inserito tra le vertebre del rachide cervicale.

La sindrome cervicale è il dolore persistente e la rigidità del collo che può essere dovuta a una varietà di cause, dal rachide cervicale (è il più comune) e l'erniazione del disco intervertebrale a una ferita o addirittura a un tumore.

La diagnosi è diagnosticata con esame clinico e anamnesi dettagliata, seguita da esami di imaging (principalmente radiografie cervicali spinali, TC e TC) per rivelare eventuali lesioni nelle vertebre, i dischi intervertebrali, il canale spinale e altre strutture spinali.

I trattamenti chirurgici sono raccomandati solo in casi molto gravi - quando il paziente ha un disturbo neurologico persistente (ad esempio, la forza della mano è diminuita o persa, lui o lei sente poi bruciore o intorpidimento nella mano) suggerendo quella parte di un nervo o del midollo spinale e c'è il rischio di danni permanenti e quando i sintomi non migliorano affatto dopo l'applicazione di tutti i trattamenti non chirurgici (antidolorifici, terapie fisiche, ecc.).

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più