Giornata mondiale del lupo: cosa dovresti sapere sulla malattia autoimmune

Anonim

Il 10 maggio è dedicato al lupo, una malattia autoimmune che appartiene alla famiglia delle malattie reumatiche.

Più di 500.000 europei soffrono di lupus. Il 90% dei pazienti sono donne e l'80% delle diagnosi ha un'età compresa tra i 15 e i 45 anni .

Le forme della malattia

Esistono due forme comuni di lupo: il discoide e il sistematico .

Il lupo discoid è una malattia della pelle che è spesso cronica e porta a cicatrici . Può essere limitato alla pelle e non associato ad altre malattie del sistema nel corpo. In altri casi, il lupetto può essere una delle caratteristiche della forma sistemica del lupo.

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia cronica, sistemica, infiammatoria. Malattia cronica significa che dura a lungo, molto probabilmente per il resto della vita. Tuttavia, quasi tutte le persone con il lupo mostrano fluttuazioni nell'attività della malattia, note come periodi di crisi e recessioni . A volte non ci possono essere segni o sintomi di lupus. Alcune persone hanno recessioni a lungo termine. La malattia sistemica è quella in cui molte parti diverse del corpo possono essere infettate . Il termine infiammatorio si riferisce alla reazione del corpo, con conseguente dolore, calore, arrossamento e gonfiore. Sebbene il lupo sia una condizione cronica, non significa che il paziente non possa avere una vita soddisfacente. Le condizioni croniche non sono curate, ma possono essere controllate con un trattamento appropriato.

Questo articolo si concentra sulla forma sistemica del lupo.

Dov'è il SLE?

L'eziologia della malattia è sconosciuta e nessuno può prevedere chi lo mostrerà. Tuttavia, c'è un disordine del sistema immunitario del corpo, che mentre normalmente protegge l'organismo da agenti nocivi, nel caso del lupo produce autoanticorpi, cioè sostanze dirette contro il corpo stesso. Queste sostanze circolano nel sangue e causano interruzioni ai vari organi.

La fisiopatologia è multifattoriale e non completamente compresa nell'interazione della predisposizione genetica (geni) con fattori ambientali. Colpisce le donne (di solito in età riproduttiva) più degli uomini ed è più comune nella razza colorata e negli asiatici. Può infettare i pazienti di qualsiasi età, compresi i neonati.

Alcuni farmaci (procainamide, idralazina, minociclina, diltiazem - calcio antagonisti, penicillamina, INH, chinidina, metildopa, anti-TNF e IFN-?) Causano un reversibile, entro poche settimane dopo l'interruzione del farmaco, lupo con ANA positivo e anticorpi anti-istone).

Come diagnosticare

Semplici esami del sangue e delle urine, oltre a quelli speciali (ANA, DNA anti-ds, ENA, ecc.) Aiutano il medico a diagnosticare la condizione, determinarne la gravità e monitorare i progressi e l'efficacia del paziente del trattamento che fornisce.

La diagnosi si basa su criteri clinici e sierologici (ANA, anti-dsDNA nel 70%, anti-Sm e anti-RNP nel 40%, anti-SSA / Ro e SSB / La nel 30% e anticorpi antifosfolipidi). La riduzione del complemento (C3 e C4) non è specifica, ma è comune nell'insorgenza della malattia ed è solitamente associata al coinvolgimento renale.

Altri esami del sangue possono essere fatti per aiutare a diagnosticare e controllare l'attività della malattia. Gli esami del sangue biochimici aiuteranno ad accertare se organi vitali come i reni e il fegato funzionano. Poiché spesso si verificano problemi ai reni, può essere necessaria l'urina generale, la raccolta delle urine nelle 24 ore o, più raramente, la biopsia renale, in cui un piccolo frammento di tessuto viene rimosso dai reni e sottoposto a esami speciali.

Quali sono i trattamenti disponibili?

Il trattamento di SLE dipende dalla gravità della condizione. Vengono utilizzati diversi farmaci e viene condotta una ricerca per trovare le formulazioni più efficaci per alleviare il paziente dai sintomi e godersi una vita il più normale possibile.

Oggi i farmaci utilizzati sono principalmente antinfiammatori non steroidei, antimalarici (per alopecia, eruzioni cutanee, artralgia), corticosteroidi e farmaci immunosoppressori [ciclofosfamide, azatioprina, micofenolato mofetile, metotrexato) anticorpo monoclonale contro la molecola CD20 sulla superficie delle cellule B (per gravi casi incontrollati nei casi di trattamento convenzionali). Per tutti i pazienti con eruzioni fotosensibili, si raccomanda la protezione dalla luce solare.

L'uso di Benlysta, una droga endovenosa una volta al mese, è stato approvato anche in America e in Europa e sembra essere di notevole aiuto per molti pazienti.

Il decorso della malattia è solitamente variabile e imprevedibile. La scelta di un particolare farmaco e la sua dose dipendono dai sintomi del paziente e la sua scelta è compito del medico curante.

Che prognosi per i pazienti

L'esito del SLE è notevolmente migliorato dall'uso tempestivo e corretto di glucocorticosteroidi e agenti immunosoppressivi. Molti pazienti con insorgenza di LES nell'infanzia hanno un buon andamento. Tuttavia, la malattia può essere grave e pericolosa per la vita o può rimanere attiva durante l'adolescenza e fino all'età adulta.

La prognosi del LES nell'infanzia dipende dalla gravità dell'infestazione degli organi interni. I bambini con grave rene e malattia del sistema nervoso centrale richiedono un trattamento aggressivo. Al contrario, lieve eritema e artrite possono essere controllati facilmente. Tuttavia, la prognosi per ogni bambino individualmente è relativamente imprevedibile.

Quali sintomi provoca il lupo in una fase iniziale

I primi sintomi del lupus si verificano di solito nei primi anni dell'età adulta.

Cliccando sulle foto nella galleria qui sotto vedrai quali sono i 10 sintomi principali causati dal lupo in una fase iniziale.

Foto: Lupo: quali sono i primi sintomi della malattia autoimmune

    Messaggi Popolari

    Per Saperne Di Più