Infarto: vedi se sei in pericolo usando un metro a nastro!

Anonim

La circonferenza della vita è un indicatore molto affidabile del rischio di infarto, indipendentemente dal peso corporeo totale o dall'indice di massa corporea (BMI), secondo un nuovo studio condotto negli Stati Uniti.

Il BMI (ecco come lo si calcola) è tradizionalmente utilizzato per valutare l'obesità e altri aspetti di salute, come il rischio di sviluppare diabete o cancro, ma non sembra essere l'indicatore più appropriato per valutare la salute cardiovascolare .

Aumento del rischio di infarto nelle persone con BMI normale ma con una circonferenza della vita ampia

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno intervistato 1.692 americani di 45 anni e più nel periodo 2000-2016. I partecipanti sono stati sottoposti ad un esame clinico e hanno misurato il peso, l' altezza, la circonferenza della vita e il perimetro dei loro fianchi . Hanno anche studiato i loro registri medici per vedere quanti di loro hanno avuto un attacco di cuore (attacco di cuore) fino a quando lo studio è durato.

I dati hanno mostrato che il rischio di infarto era quasi il doppio per i partecipanti con BMI normale (18, 5-24, 9 unità) ma una maggiore circonferenza della vita (obesità ventricolare o centrale) rispetto ai partecipanti senza grasso addominale, indipendentemente del loro indice di massa corporea.

Prezioso per la valutazione della salute cardiovascolare è il rapporto vita-fianchi

Per la valutazione dell'obesità addominale, viene utilizzato un marker molto semplice chiamato rapporto vita-fianchi . Per il calcolo, è solo necessario misurare la circonferenza della circonferenza della vita e dell'anca con un metro e la divisione del primo numero nel secondo.

L'obesità addominale è presente nelle donne il cui rapporto vita-fianchi supera le 0, 85 unità e per gli uomini il cui rapporto vita-fianchi è maggiore di 0, 9 unità .

"Chiedete al vostro medico se la circonferenza della vita è più grande del perimetro dell'anca", raccomanda il dott. José Medina-Iohosa, specialista in cardiologia profilattica presso la Mayo Clinic e uno degli autori dello studio.

"Le persone con un peso normale ma il grasso accumulato nell'addome sono più a rischio di avere problemi cardiaci rispetto a quelli che non hanno grasso nell'addome, anche se i secondi sono considerati obesi sulla base del loro indice di massa corporea " , ha detto Medina-Iohosha.

Le nuove scoperte sono state presentate alla recente conferenza della Società Europea di Cardiologia Preventiva (EAPC), che si è svolta in Slovenia dal 19 aprile al 21 aprile.

Vedi anche questo:

BMI, circonferenza della vita, percentuale di grasso: valori pericolosi per il cuore

Rapporto Waist-to-Hope: che aspetto ha per la salute e quali sono i prezzi ideali

La circonferenza della vita "predice" il rischio di alcuni tumori

Rapporto anca / fianchi: calcola il tuo e vedi se sei a rischio di morte prematura!

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più