Cancro alla prostata: il ruolo del numero di partner sessuali

Anonim

Il cancro alla prostata è stato collegato a malattie trasmesse sessualmente come le verruche e la gonorrea, che sono il principale fattore di rischio per il cancro del collo dell'utero nelle donne.

Questo è uno dei motivi per cui il rischio di sviluppare il cancro alla prostata è in linea con il numero di partner sessuali che un uomo ha avuto durante la sua vita.

I ricercatori dell'Università dell'Illinois hanno esaminato 753 uomini di età compresa tra 40 e 64 anni che avevano segnalato la malattia e li hanno confrontati con 703 uomini sani della stessa età. Quelli che in precedenza avevano la gonorrea avevano un rischio leggermente maggiore di sviluppare il cancro, mentre altre malattie a trasmissione sessuale non aumentavano il rischio di una percentuale statisticamente significativa.

Tuttavia, l'esistenza di due o più partner sessuali in età adolescenziale all'età di 20, 40 anni e tra 50-64 anni, aumentava il rischio di cancro rispetto a quelli che avevano un partner erotico in ciascuno di questi periodi della loro vita .

Inoltre, gli uomini che avevano 30 o più partner sessuali durante la loro vita avevano più probabilità di sviluppare una forma aggressiva di cancro alla prostata .

A differenza degli studi precedenti, lo studio conclude che l'età del primo contatto erotico non è un fattore di rischio.

Secondo il leader della ricerca Karen A. Rosendal, il comportamento sessuale degli uomini e la successiva esposizione ad agenti infettivi contribuiscono all'eziologia del cancro alla prostata.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire i fattori precisi che governano la relazione tra il numero di partner sessuali e il rischio di cancro alla prostata.

Questi risultati rafforzano la teoria che il cancro alla prostata può essere causato da un agente infettivo, perché gli uomini con molti partner sessuali sono più esposti alle malattie sessualmente trasmissibili .

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più