Vitamina D: in che quantità protegge dal cancro al seno

Anonim

L'effetto protettivo della "vitamina solare" contro il cancro al seno è evidenziato da un nuovo studio scientifico pubblicato nella rivista PLOS ONE.

Lo studio sta completando e rafforzando i risultati di precedenti studi che hanno suggerito che la vitamina D può ridurre il rischio di sviluppare vari tumori come il colon, il fegato, i polmoni e la prostata .

Vitamina D e cancro al seno

Ricercatori dell'Università della California, a San Diego (UCSD), in collaborazione con altre istituzioni universitarie e organizzazioni senza scopo di lucro, hanno esaminato come i tassi di cancro al seno influenzano i livelli di vitamina D nel sangue.

Lo studio era basato su dati di oltre 5.000 donne con un'età media di 63 anni e la concentrazione di riferimento era 25 (OH) D, la forma basale di vitamina D trovata nel siero del sangue. All'inizio dello studio nessuno dei partecipanti è stato diagnosticato un cancro e i livelli di vitamina D sono stati misurati periodicamente per un totale di quattro anni.

Coloro che avevano sangue nel sangue superiore a 60 ng / ml 25 (OH) D sembravano essere un quinto del rischio di sviluppare un cancro al seno rispetto a quelli nel loro sangue di 20 ng / ml di vitamina D, i ricercatori hanno scoperto . Poiché la concentrazione di 25 (OH) D sopra i 60 ng / ml è aumentata, maggiore è il rischio.

Si noti che la concentrazione di 60 ng / ml supera di gran lunga la proposta di 20 ng / ml dall'Istituto di Medicina (ora National Academy of Medicine), il gruppo consultivo del governo federale degli Stati Uniti. Diverse organizzazioni, come GrassrootsHealth, che hanno partecipato al nuovo studio, sostengono che la raccomandazione sulla sufficienza della vitamina D dovrebbe essere cambiata e che la concentrazione raccomandata dovrebbe salire ad almeno 50 ng / ml al fine di garantire migliori risultati per la salute.

"Aumentare i livelli di vitamina D nel sangue ben oltre 20 ng / ml sembra giocare un ruolo importante nella prevenzione del cancro al seno", ha detto Saron McDonnell, un epidemiologo e analista biostatistico che lavora con GrassrootsHealth e uno degli autori dello studio.

Il capo del gruppo di ricerca, Cedric Garland, un professore della UCSD nel Dipartimento di medicina di famiglia e sanità pubblica, a sua volta, afferma che al fine di garantire la concentrazione di 60 ng / ml di vitamina D, un supplemento di 4.000-6.000 unità internazionali (UI) di vitamina D D ogni giorno o anche un supplemento di dose inferiore se combinato con esposizione solare giornaliera per 10-15 minuti.

Vedi anche questo:

Carenza di vitamina D: vedi se sei a rischio utilizzando un metro a nastro!

Vitamina D: con questi 15 alimenti soddisferete le esigenze della vostra organizzazione

Vitamina D: Perché dovresti sempre combinarla con il magnesio

Carenza di vitamina D: prova le 5 domande

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più