Miti e verità su verruche e HPV

Anonim

L'infezione da papillomavirus umano, nota come HPV, è molto comune, ma sfortunatamente molte persone hanno ancora idee sbagliate su di esso, sul suo modo di trasmissione e sulla sua prevenzione.

Il ginecologo-chirurgo, Dr. Ioannis P. Vassilopoulos, MD, MSc, Assisted Reproduction Specialist e fondatore dell'Istituto di Life-IASO, svela alcuni dei miti più comuni.

Mito: solo le donne si attengono all'HPV

La verità: l'HPV è molto comune in entrambi i sessi. Si stima che il 90% degli uomini sessualmente attivi e l'80% delle donne sessualmente attive saranno infettati in alcuni momenti della loro vita con alcuni dei loro lavoratori del sesso.

Perché, tuttavia, il virus di solito non causa sintomi e il corpo spesso si neutralizza entro 1-2 anni dall'infezione, uno può essere infetto e non impararlo mai.

Tuttavia, in alcuni casi il virus persiste per molti anni. Infezioni persistenti con ceppi virali ad alto rischio possono portare a lesioni cellulari che possono eventualmente trasformarsi in cancro.

Mito: HPV minaccia solo coloro che hanno relazioni d'amore occasionali

La verità: è vero che i compagni più erotici che un individuo ha, più è probabile che sia in contatto con un partner che è portatore del virus HPV. Tuttavia, questo non significa che se è in una relazione monogama non è a rischio.

È stato stimato che con un totale di quattro compagni erotici nel corso della vita le probabilità di infezione raggiungono l'80%.

Mito: la diagnosi di HPV indica che qualcuno era infedele

La verità: questo mito ha causato molto dolore, rabbia, confusione e sofferenza. Questo è ingiusto perché non tiene conto di una delle proprietà più importanti di HPV: che può rimanere in una condizione latente (inattiva) nel corpo per molti anni.

Quindi, se a te o al tuo partner viene diagnosticato il virus o una malattia che causa, non c'è modo di sapere per quanto tempo l'infezione si è verificata, se state infettando il vostro partner o viceversa.

Mito: le verruche portano al cancro cervicale

La verità: le verruche acute e il cancro cervicale sono generalmente causate da diversi ceppi di HPV.

In totale, dei quasi 170 ceppi del virus, 40 sono quelli più preoccupati per gli esseri umani perché sono facilmente trasmessi attraverso il sesso.

Dei 40 tipi, due (ceppi 6 e 11) causano il 90% delle verruche, che sono lesioni benigne. Questi ceppi sono a basso rischio di cancro.

Al contrario, altri 12 tipi sono fortemente associati al cancro. Di questi, HPV16 e HPV18 causano il 70% dei casi di cancro cervicale. Anche il tipo 16 causa la maggior parte dei tumori del retto e quasi la metà dei cancri dell'orofaringe.

Complessivamente, quasi il 100% dei tumori del collo dell'utero, il 95% dei tumori del retto, il 70% dei tumori del cane e molti tumori della vagina, della vulva e del pene sono stati causati da ceppi di HPV oncogeni. Il tipo 16 è la causa più comune, ma ce ne sono altri come HPV 31, 33, 46 ecc.

Il fatto che qualcuno abbia un tipo di HPV non significa che non ne trasporta un altro. Pertanto, può allo stesso tempo avere condilomi acuminati e alcuni ceppi oncogeni, e forse il mito che le verruche portano al cancro potrebbe essere nato.

Mito: se il Pap test ha risultati anomali, il partner sessuale della donna deve essere immediatamente controllato per l'HPV

La verità: al momento non esiste un test approvato per rilevare l'HPV negli uomini. Inoltre, non vi è alcun controllo raccomandato agli uomini per la diagnosi di tumori del retto, del pene o della laringe, che sono spesso dovuti a ceppi di HPV oncogeni.

Ma se una donna ha le verruche acuminate sui suoi organi genitali, è bello vedere il suo medico e il suo partner erotico, perché può rilevare le verruche in vari punti del suo pene. Va da sé che è richiesto un controllo medico e se l'uomo osserva le sue lesioni sospette nel pene, come protuberanze o protuberanze.

Mito: se qualcuno ha mai avuto un preservativo non è a rischio di HPV

La verità: il modo migliore per proteggersi contro l'HPV è vaccinarsi contro di essa.

Questo non significa che il preservativo sia inutile. Invece, è prezioso perché riduce notevolmente il rischio di infezione da HPV e protegge in misura significativa anche altre malattie a trasmissione sessuale come la clamidia, la gonorrea e l'HIV che causa l'AIDS.

Ma dovrebbe essere usato correttamente e non essere considerato una panacea, perché l'HPV può infettare parti dei genitali non coperte dal preservativo.

Mito: il vaccino HPV è nuovo e ci vorranno anni per vedere se è sicuro

La verità: il primo vaccino contro l'HPV è stato rilasciato per la prima volta nel 2006 e ben presto ha seguito il secondo, e due anni fa è stato approvato per un umore ampio e un terzo.

I primi due vaccini sono stati inclusi nei programmi di vaccinazione nazionale di dozzine di paesi e oltre 280 milioni di dosi (oltre 100 milioni negli Stati Uniti) erano disponibili per i tre vaccini in tutto il mondo entro il 2017.

Lo studio dei vaccini prima dell'approvazione e del follow-up dopo l'approvazione (nel contesto della farmacovigilanza) ha dimostrato che i vaccini sono molto efficaci e molto sicuri.

Come con qualsiasi farmaco, hanno anche alcuni effetti collaterali. Il più comune è dolore, arrossamento e / o gonfiore nel sito di iniezione, nausea, mal di testa e febbre. Ci sono stati anche casi di una reazione allergica a loro. Per questo motivo, sono controindicati negli adolescenti con grave allergia ai lieviti o ad altri componenti.

Vedi anche questo:

Dieci cose che non sapevi di HPV

Come vengono trattate le verruche?

Modi per proteggere l'utente da HPV

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più