Dieta dei carboidrati: rischi per il cuore

Anonim

Le diete senza o con pochi carboidrati, come Keto, Paleo e Atkins, sono molto popolari in quanto associati a perdita di peso immediata.

Tuttavia, secondo i risultati di un nuovo studio, nel tempo il blocco dei carboidrati può aumentare il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale.

Le persone che hanno ricevuto meno del 45% delle loro calorie dai carboidrati avevano il 18% in più di probabilità di sviluppare fibrillazione atriale rispetto a quelle che consumavano quantità moderate di carboidrati (45-52% delle loro calorie).

Ricercatori cinesi hanno affermato che il rischio di fibrillazione atriale aumentava indipendentemente dai tipi di proteine ​​o grassi usati per sostituire i carboidrati.

La fibrillazione atriale è una patologia del ritmo cardiaco. Invece della solita frequenza cardiaca, i malati di cuore a volte "corrono". Perché non pompa abbastanza bene il sangue, è concentrato nel cuore e si può formare un grumo, che può raggiungere il cervello e causare un ictus.

Uno dei motivi per cui una dieta priva di carboidrati causa una rapida perdita di peso è lo scarico dei liquidi corporei. La disidratazione è associata alla fibrillazione atriale. Diete povere di carboidrati possono anche causare livelli elettrolitici anomali, che influiscono sulla frequenza cardiaca.

I ricercatori hanno evidenziato che le persone che consumano molti carboidrati tendono a mangiare meno verdura, frutta e frutta, alimenti associati a livelli più bassi di infiammazione. Per questo motivo tendono ad avere livelli più elevati di infiammazione nel corpo, che è associato alla fibrillazione atriale.

Una delle ragioni per cui molte diete a basso contenuto di carboidrati sono il diabete e la necessità di controllare lo zucchero nel sangue. Il diabete è un fattore di rischio per la fibrillazione atriale.

Ai fini dello studio, i ricercatori hanno esaminato uno studio del National Institutes of Health degli Stati Uniti, che comprendeva circa 14.000 persone. All'inizio dello studio nessuno aveva fibrillazione atriale.

In un periodo di follow-up medio di 22 anni, circa 1.900 partecipanti hanno sviluppato la condizione.

Tutti i partecipanti hanno completato questionari nutrizionali dettagliati e i loro ricercatori divisi in tre gruppi: assunzione di carboidrati bassa, moderata e alta. Il gruppo a basso contenuto di carboidrati ha assorbito meno del 45% delle calorie giornaliere dai carboidrati, un consumo moderato del 45-52% delle calorie e il gruppo ad alto consumo di oltre il 52% delle calorie.

I ricercatori hanno riferito che i loro risultati confermano questi altri studi, secondo cui sia le diete povere che quelle ad alto contenuto di carboidrati sono associate a un più alto rischio di morte prematura.

L'autore principale dello studio, il dottor Xiaodong Zhuang, un cardiologo dell'Università di Sun Yat-Sen a Guangzhou, in Cina, presenterà i risultati alla conferenza dell'American College of Cardiology il 16 marzo a New Orleans.

Fonte: healthday.com

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più