In che modo EOPYY compenserà il ricovero in ospedale con unità di terapia intensiva private

Anonim

Nuova direttiva ai fornitori di cliniche private.

L'amministrazione EOPYI concede due giorni alle cliniche private per informare l'organizzazione sui letti di terapia intensiva che stanno operando e su quanti di loro provvederanno al ricovero degli assicurati non partecipanti. Il documento in questione è datato 6 marzo e il termine scade l'8 marzo.

Conformemente all'attuale regolamento sulle prestazioni sanitarie uniformi (EWIC), l'EOPYY compensa il ricovero in una unità di terapia intensiva pubblica (ICU) nel settore pubblico o privato con malattie quotidiane.

Il risarcimento è fissato a 800 euro per i primi tre giorni di ricovero, 550 euro dal quarto al quindicesimo giorno di degenza e 400 euro per tutti gli altri giorni dopo il sedicesimo.

Le cliniche private sono obbligate a informare quotidianamente il Centro nazionale per la salute (EKEP) dei loro letti vuoti. Allo stesso tempo, EKEPY ha la possibilità di audit periodici in unità di terapia intensiva pubbliche e private al fine di verificare il corretto funzionamento del sistema di lettiera.

I letti per terapia intensiva disponibili sono insufficienti per soddisfare le esigenze quotidiane, specialmente nei mesi invernali, a causa dell'esacerbazione delle infezioni respiratorie. Pertanto, fino a 50 pazienti al giorno possono essere trattenuti per un posto di terapia intensiva.

Leggi anche:

Ministero della salute: quali piani per la terapia intensiva e il reclutamento (video)

Le unità di terapia intensiva "intensive" nel paese

Messaggi Popolari

Per Saperne Di Più